Casa GT a Treviso (1993/95)

Written by Architetto Favaretto | Architetti Treviso | Dosson di Casier on . Posted in Portfolio

Il progetto è nato dall’idea e dalla volontà di rispettare e dialogare con il contesto naturale in cui si è insediato l’edificio.

L’area di progetto, zona Santa Bona (TV), non risultava libera all’epoca dell’incarico, poiché insisteva un’abitazione di poco pregio architettonico e non recuperabile. Il lotto di forma triangolare, confina con altre proprietà ed è delimitato da un fossato demaniale a nord-ovest.

La costruzione è formata da una “torre” alta circa 10 metri, che comprende al piano terra i posti auto, il vano caldaia, al primo e secondo piano le camere con i servizi. La cucina, la sala da pranzo, soggiorno, l’ingresso e altri vani accessori ad uso diurno sono raccolti a parziale ventaglio di 90° con tetto a falda attorno allo spigolo sud della torre.

L’idea della torre è conseguente non solo ad una semplice organizzazione funzionale degli spazi interni della casa, ma dalle testimonianze ancora presenti nel centro storico trevigiano che danno e hanno dato di Treviso l’immagine di una città turrita.

I muri d’ambito della parte di edificio con falde sono rivestiti da un paramento in mattoni di laterizio lasciati a vista; tali muri sono stati prolungati con la stessa pendenza del tetto, fino a raggiungere il suolo per dare maggior forza e quindi equilibrio figurativo con la torre. Questa è rivestita con pannelli termocoibenti a cappotto fissati alla struttura per ottenere un maggiore risparmio energetico.

La copertura della torre è piana con la possibilità di creare un giardino pensile con arbusti a crescita orizzontale e ricadenti.

Il tetto a falda, la porzione a giorno relativa al piano terra, è strutturalmente eseguito in legno con “anima” armata da una lama metallica. Il manto di copertura è in lamiera grecata di rame. Il corpo a falda è caratterizzato inoltre da una colonna ad anelli impilabili di calcestruzzo normale e in coccio pesto di ø 140 cm, posta nello spigolo sud-ovest che sorregge sia la trave di falda che le travi orizzontali ad IPE poste a sud-est e sud-ovest con funzione di cordolo e per contenere gli appoggi della travatura in legno della copertura medesima.

Gli interni sono interamente caratterizzati da stucco veneziano eseguito magistralmente a spatola a più mani da esperti pittori.

Gli arredi mobili presenti sono di serie mentre le componenti fisse panche, ripiani sono eseguite su disegno. Scale con pedate in legno Panga e alzata in Pietra Rosa della Lessinia. Esterni in Pietra Rosa e Pietra Serena. L’abitazione ha una superficie abitabile di circa 185 mq oltre a garage (due posti auto) e centrale termica.